L'impatto del microdosaggio sulla salute

Si può usare il microdosaggio per influenzare la salute, per trattare certi disturbi? C’è un crescente interesse per il microdosing: prendere una quantità molto piccola di una sostanza psichedelica. Noterete sottili benefici, ma non soffrirete degli effetti di alterazione della mente. La ricerca mostra che il microdosaggio può essere usato per diversi disturbi, come l’emicrania, la depressione e lo stress.

Microdosaggio di cannabis per il dolore

Il THC è il componente dell’erba che ti fa sballare. Tuttavia, se si prendono microdosi di questo, potrebbe alleviare il dolore cronico. La società israeliana Seqe Medical ha fatto questo
ricerca
in questo. I partecipanti hanno inalato microdosi di THC misurate molto precisamente. Sembra che queste piccole dosi (500 microgrammi di THC sono stati inalati) possano alleviare significativamente il dolore cronico. La riduzione del dolore è stata misurata dai numeri e la riduzione è persistita per almeno 150 minuti. I partecipanti non hanno sperimentato alcun impatto negativo sulle loro capacità cognitive. Lo studio era in doppio cieco con placebo.

I benefici in caso di stress

Lo stress può avere diverse conseguenze, sia per il corpo che per la mente. La maggior parte delle persone che soffrono di stress sono ansiose e si agitano molto. Può causare pressione alta, insonnia e mal di testa. Il microdosaggio potrebbe alleviare uno o più di questi sintomi. Può aiutarvi a concentrarvi meglio. Grazie al suo effetto analgesico, può alleviare il mal di testa. Molte persone riferiscono di sentirsi più nel “presente”. È meglio non pensare al passato o al futuro, ma solo essere presenti nel qui e ora. Questo può aiutarvi a sentirvi più a vostro agio nella vostra pelle.

Depressione

Ci sono sempre più prove che i funghi magici possono aiutare nella depressione grave. Non c’è ancora molta ricerca scientifica su questo. Ma per esempio, Erica Avey che è stata intervistata dal
Guardiano
è stata intervistata, racconta la sua storia di come ha preso microdosi di LSD. Soffriva di una depressione piuttosto grave. Prendendo 1/6 di una dose normale di LSD ogni tre giorni, ha potuto continuare a funzionare.

Altri usano anche il microdosaggio per la depressione. Ayelet Waldman ha scritto un libro su questo (A Really Good Day: How Microdosing Made a Mega Difference in My Mood, My Marriage, and My Life). Aveva provato con i normali farmaci, ma non erano serviti. Microdosi di LSD l’hanno liberata da umori insopportabilmente depressi.

James Fadiman ha anche raccolto esperienze di microdosatori. I suoi dati sono stati raccolti da due ricercatori. I microdosatori sembrano soffrire meno di emozioni negative e comportamenti disfunzionali. Il
efficacia
degli psichedelici nella depressione può derivare dal loro effetto unico sul cervello. Questi agenti disattivano una rete di controllo normalmente responsabile dell’autoriflessione e dell’autoconsapevolezza. Sembra che questa rete sia iperattiva nelle persone depresse. Di conseguenza, questo può portare a pensieri negativi ossessivi. Quindi, se il microdosaggio di psichedelici può rendere questa rete meno attiva, può aiutare a liberarsi da quei pensieri negativi.

Emicranie e cefalee a grappolo

Le emicranie e le cefalee a grappolo causano un dolore quasi insopportabile. Limitano molto la vostra capacità di funzionare. Specialmente con le cefalee a grappolo, i normali farmaci possono non funzionare. Le persone che si sottopongono regolarmente alla microdose riferiscono di trarne beneficio. Questo è vero sia per le emicranie che per le cefalee a grappolo.

Il modo migliore per trattare il mal di testa (normale, emicrania e cefalea a grappolo) è con la psilocibina (con funghi magici e tartufi). Questo perché contiene un alcaloide chiamato triptamina. Questa sostanza attiva la produzione di serotonina nel cervello. A sua volta, la serotonina influenza l’elaborazione degli stimoli del dolore. Ma anche l’LSD e la DMT contengono triptamina, quindi potresti provare anche questi psichedelici. L’effetto di solito ha effetto entro 45 minuti.

Gli utenti indicano che
psilocibina
funziona almeno quanto i normali antidolorifici. Ma soprattutto per le persone che soffrono di cefalee a grappolo che non rispondono agli antidolorifici, la psilocibina può essere una manna dal cielo. Non solo riduce il dolore, ma può anche prevenire le crisi. Inoltre, il microdosaggio ha generalmente pochi effetti collaterali.