Che cos’è la tolleranza alla psilocibina?

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Reddit

Se si fa regolarmente uso di determinate droghe o farmaci (ad esempio, funghi magici contenenti psilocibina), l’organismo può sviluppare una tolleranza. Ciò significa che gli effetti di un farmaco non sono più così evidenti dopo ripetute somministrazioni, poiché l’organismo si abitua alla sostanza. Per notarne gli effetti è necessario un quantitativo sempre maggiore.

Tolleranza non significa dipendenza. La tolleranza è un meccanismo neurobiologico dell’organismo (o meglio del cervello), che si adatta alla situazione. La dipendenza da sostanze è una condizione sia fisica che mentale, in cui si è diventati dipendenti da una sostanza. A differenza di droghe come la cocaina, la psilocibina non crea dipendenza fisica. La psilocibina viene persino utilizzata per trattare le dipendenze (ad esempio da alcol, sigarette, stimolanti e oppioidi).

Uno dei motivi per cui la psilocibina non crea dipendenza è proprio il fatto che l’organismo si desensibilizza alla sostanza abbastanza rapidamente. Dopo che la psilocibina viene convertita in psilocina nel fegato, passa la barriera emato-encefalica e attiva i recettori della serotonina. Se si fa uso di psilocibina abbastanza spesso, il cervello fa diminuire il numero di recettori disponibili.

Si può immaginare come una stanza con centinaia di porte aperte. Lanciando un fungo magico attraverso una di queste porte, un gran numero di esse si chiuderà all’improvviso. Nel tempo, non importa quanti funghi magici si ingeriscono. Non ci sono più porte attraverso le quali gettarli, quindi i principi attivi non possono più avere alcun effetto.

Cosa influisce sulla tolleranza alla psilocibina?

La domanda da porsi è, ovviamente, che cosa influisce sullo sviluppo della tolleranza ai funghi magici. Quanto tempo passa prima che i recettori diventino nuovamente sensibili e si possano sentire di nuovo tutti gli effetti? Come già detto, non sono state condotte ricerche in merito, ma si possono trovare molte discussioni su siti come Reddit, Erowid e Shroomery. Questi dati sono stati analizzati e la risposta è che dipende da diversi fattori.

In media, occorrono da quattro a sette giorni per sviluppare la tolleranza alla psilocibina. Ma molte persone riferiscono di poter sperimentare un altro potente viaggio già due giorni dopo una dose. Altri dicono che bisogna aspettare almeno due settimane. Tuttavia, le opinioni sono diverse. In effetti, ci sono anche utenti che riferiscono di potersi sballare per diversi giorni di seguito senza notare alcun cambiamento negli effetti.

Possiamo anche considerare il microdosaggio e allora il quadro cambia ancora di più. Una routine di microdosaggio è lo Stamets Stack. Si tratta di assumere una dose molto bassa di psilocibina per cinque giorni di seguito (in combinazione con niacina e Lion’s Mane). Dopodiché, non assumete nulla per due giorni. Se non si tratta di tolleranza, ci si può chiedere se questa tolleranza non sia causata da dosi elevate piuttosto che da dosi basse. Ma anche il microdosaggio spesso utilizza una routine per evitare la tolleranza.

La rapidità e la durata della tolleranza dipendono probabilmente da molti fattori, tra cui il peso, l’età, la genetica e la neurobiologia. Se si vuole evitare una diminuzione della sensibilità alla psilocibina, la cosa più saggia da fare è prendere da quattro a sette giorni di riposo tra una dose e l’altra.

I rischi della tolleranza

Esistono anche rischi legati allo sviluppo di tolleranza alla psilocibina? Fondamentalmente, no. È più che altro il modo in cui lo gestisci tu stesso. In effetti, è un errore comune, commesso sia dai novizi che dagli psiconauti esperti, quello di assumere più funghi magici se non si sentono gli effetti. A volte può essere necessario più tempo prima di notare qualcosa dai funghi ingeriti, a causa dello stomaco pieno o della specie di fungo ingerita che richiede un po’ più di tempo per far emergere gli effetti.

Ma se si fa uso regolare di funghi magici e non si è tenuto conto della tolleranza, l’assunzione di una quantità maggiore può provocare un trip difficile o negativo. In alcuni casi, è addirittura possibile sviluppare l’HPPD (disturbo da percezione persistente di allucinogeni). Questa condizione cronica comporta continui disturbi visivi che possono interferire con le normali attività quotidiane. È raro, ma è un buon motivo per non usare i funghi magici troppo spesso e per stare attenti alla tolleranza.

I funghi sono sicuri da usare, ma è sempre bene essere cauti con gli psichedelici. Assicuratevi di avere un set e un’ambientazione piacevoli, organizzate una baby sitter per il viaggio e tenete traccia di quando avete usato i funghi magici l’ultima volta. Se andate a un festival e volete usare i funghi magici per diversi giorni, prendete una dose inferiore (1 o 2 grammi). Questo vi aiuterà a gestire meglio l’imprevedibilità dell’ambiente, le numerose impressioni acquisite e a prevenire la tolleranza alla psilocibina.

Condivisione sociale

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Reddit

Helaas u dient 18 jaar of ouder te zijn om deze website te mogen bezoeken.

Valido dal 20 maggio al 27 maggio.

Risparmia sul tuo acquisto oggi stesso!

10%
SPENTO

Usa il codice qui sotto al momento del checkout per ricevere uno sconto del 10% sul tuo ordine.

Purtroppo per visitare questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.

Per visitare questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.

Hai 18 anni o più?

Purtroppo per visitare questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.