Il microdosaggio aiuta a sentire la connessione nell’autismo?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su reddit
Reddit
una carta strappata scritta con l'iscrizione autismo su uno sfondo verde

Interagire con altre persone, mantenere connessioni sociali, avere conversazioni con estranei – per la maggior parte delle persone questo è già abbastanza complicato, figuriamoci quando si ha un disturbo autistico. Le persone con ASD (disturbo dello spettro autistico) di solito hanno difficoltà a cogliere i sottili segnali usati durante la comunicazione. Di conseguenza, hanno difficoltà a mantenere le relazioni e possono sentirsi isolati. Il microdosaggio può aiutare a sentire quella connessione con gli altri?

Autismo: difficoltà di connessione

Per la maggior parte delle persone, gran parte della comunicazione passa inosservata. Spesso non sapete nemmeno quanti piccoli segnali raccogliete ed elaborate: intonazione, sottili movimenti degli occhi o delle mani, linguaggio del corpo ed espressioni facciali. Li cogliete inconsciamente e li elaborate immediatamente. In una persona con ASD, questo non funziona così bene. Queste persone hanno difficoltà a stabilire un contatto con gli altri, provano poca empatia e questo può ostacolare una relazione (di amicizia).

Tuttavia, si possono leggere storie su Internet che mostrano che il microdosaggio di sostanze psichedeliche può aiutare. Questo può essere fatto con psilocibina (da funghi magici o tartufi) o LSD. C’è la storia di Aaron Paul Orsini (ha persino scritto un libro sulle sue esperienze, Autism on Acid). Si sentiva così tagliato fuori dagli altri, non capiva le altre persone e non riusciva a mantenere relazioni significative. Sentiva che era rotto. La terapia o i farmaci non hanno aiutato.

Sagoma di testa di cartapesta con pezzi di costruttore giocattolo su sfondo giallo

Gli effetti del microdosaggio sull'autismo

In preda alla disperazione, vendette i suoi averi e andò in giro per il mondo. A un certo punto si trovava in una foresta e prese una dose di LSD. Miracolosamente, sentì un senso di connessione con tutto il mondo che lo circondava. Gli alberi, la luce del sole, il vento, Aaron capì improvvisamente la rete che è la vita, con i suoi genitori, gli amici e tutte le persone sulla terra. Un mondo si è aperto per lui. Mentre continuava il suo cammino, incontrò qualcuno per strada e gli parlò. Lui ha salutato e anche lo straniero ha salutato. Hanno avuto una breve conversazione e sembrava così naturale. Questa è una piccola cosa per qualcuno che non ha problemi con questo, ma un enorme cambiamento per qualcuno con ASD.

Ci sono più storie di persone che usano (microdosi di) psichedelici per l’autismo. Tuttavia, sono stati condotti pochi studi validi. Negli anni ’60 e ’70, l’LSD è stato utilizzato in una terapia sperimentale per i bambini con autismo grave. Nessun altro trattamento aveva avuto alcun effetto. Se questa ricerca fosse eticamente giustificabile è discutibile e, inoltre, non era scientificamente ben impostata. Quindi, purtroppo, non si possono trarre conclusioni chiare. Tuttavia, i ricercatori coinvolti sostengono che l’effetto del farmaco era che i bambini reagivano meglio alle emozioni, il loro umore era positivo, ridevano più spesso e soffrivano meno di comportamenti ossessivi. Anche il loro discorso è migliorato.

Gli scienziati sono attualmente molto riluttanti a realizzare questo tipo di ricerca. L’uso degli psichedelici è abbastanza controverso. Tuttavia, è possibile che questi farmaci possano avere effetti molto interessanti sulle persone con ASD.

Disturbo da contatto

Comunicazione

Contatto visivo

Come funziona il microdosaggio nell'autismo?

Ciò che colpisce del microdosaggio è che le persone sullo spettro dell’ASD possono non reagire rapidamente. Recentemente è stata fatta una revisione tra un gruppo misto di persone che si sottopongono a microdosi. Quelli che avevano ASD non hanno notato miglioramenti significativi nei loro sintomi. La ragione di questo può essere trovata nei risultati di uno studio del 2006. Questo ha dimostrato che le persone con Asperger hanno una minore densità di recettori a cui le molecole psichedeliche possono legarsi, in aree chiave del cervello. Questi sono i recettori della serotonina 2A.

Questo può spiegare perché le microdosi sembrano avere poco o nessun effetto sui sintomi dell’autismo. Queste persone hanno una maggiore tolleranza alle dosi di psichedelici. È anche vero che la densità dei recettori della serotonina 2A nel cervello di queste persone è inversamente proporzionale alle loro capacità sociali. Quindi quelli con meno recettori hanno anche le peggiori prestazioni sociali.

È noto che le persone con autismo hanno connessioni più deboli tra regioni importanti del cervello rispetto a quelle che non hanno sintomi autistici. Questo è particolarmente evidente quando le persone devono esibirsi nell’area della “teoria della mente”. Queste sono abilità necessarie per entrare in contatto con gli altri a livello sociale ed emotivo.

C’è anche una connessione ridotta tra i nodi della“rete di default“. Questa rete ha molti compiti diversi; per esempio, è attiva quando qualcuno sta pensando agli altri o a se stesso, ricordando il passato o pianificando il futuro. È quindi importante anche per l’auto-riflessione, la teoria della mente e il sentire gli altri.

Come il microdosaggio può aiutare

Ciò che gli psichedelici come l’LSD e la psilocibina possono fare è aumentare la connettività di diverse aree del cervello. Estendendo queste connessioni, anche se solo temporaneamente, le persone con ASD possono ottenere sprazzi di comprensione in un mondo di interazione sociale a cui non hanno avuto accesso in precedenza. La loro forza risiede spesso in una focalizzazione estrema, concentrandosi su piccoli dettagli. Tuttavia, questo superpotere li fa regolarmente perdere di vista il quadro generale, soprattutto quando si tratta di interazione sociale.

Il microdosaggio può aiutarvi ad avere una migliore presa su quella parte del mondo. E questo può essere incredibilmente importante. Questo dà alle persone con ASD la sensazione di non essere sole nel mondo, ma parte della rete umana. E permette loro di partecipare attivamente, di fare e mantenere amicizie con un senso di fiducia in se stessi.

Aaron Paul Orsini sottolinea che non è sicuro sperimentare l’LSD da soli. Fortunatamente, questo non è necessario: il microdosaggio con la psilocibina è sicuro e legale. Se vuoi provare in prima persona cosa può fare il microdosaggio per i tuoi sintomi dell’autismo, dai un’occhiata al webshop e ordina le pratiche confezioni di Microdosing XP. Ogni dose è pronta e confezionata individualmente. In questo modo si può essere sicuri che si sta prendendo la dose giusta.

Condivisione sociale

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su reddit
Reddit

Ultimi post del blog

Microdosaggio nella dipendenza

La dipendenza, sia da una droga che da un comportamento, è una condizione complessa e difficile da trattare. Fumare, mangiare troppo, giocare d’azzardo, bere, shopping

Leggi tutto "
0
    0
    Carrello della spesa
    Carrello vuoto

    Questo sito web utilizza i cookie per garantire che tu abbia la migliore esperienza sul nostro sito web.