Il microdosaggio come alternativa ai normali farmaci nell’ADHD

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Reddit

L’ADHD è un disturbo del neurosviluppo comune nei bambini e negli adolescenti. Ma anche gli adulti possono soffrirne. Di solito vengono prescritti regolarmente dei farmaci che possono aiutare ad alleviare i sintomi. Ma l’uso prolungato può comportare anche molti effetti collaterali. Il microdosaggio è un’alternativa legittima nell’ADHD? In questo blog leggerete che cos’è il microdosaggio e quali possono essere i suoi benefici nell’ADHD.

Sintomi dell'ADHD

L’ADHD è un disturbo comune (in media ne soffre il 7% degli adolescenti fino a 18 anni). Ma molti ricercatori ritengono che questa percentuale sia molto più alta perché non tutti vanno dal medico di famiglia. La condizione viene generalmente diagnosticata per la prima volta nei bambini e negli adolescenti. Si distinguono per problemi di concentrazione, mancanza di controllo degli impulsi e iperattività.

I sintomi dell’ADHD sono:

  • Essere costantemente in movimento (agitarsi e non riuscire a stare fermi)
  • Incapacità di concentrarsi sui compiti
  • Sogno eccessivo ad occhi aperti
  • Dimenticanza
  • Parlare molto
  • Incoscienza
  • Rapidi sbalzi d’umore
  • Impossibile da organizzare

A causa di questi problemi neurologici, le persone con ADHD possono talvolta incontrare difficoltà a scuola, al lavoro o nella vita quotidiana. Questo, a sua volta, si traduce spesso in sintomi che vanno dalla bassa autostima alla solitudine. E questo, a sua volta, può far sì che una persona con ADHD sviluppi sintomi mentali, come la depressione.

Il problema dei farmaci

Esistono farmaci che vengono spesso prescritti per l’ADHD. In genere si tratta di metilfenidato. La parte difficile è che bisogna continuare a prendere questi farmaci per sempre e l’uso a lungo termine comporta effetti collaterali. Questo può avere conseguenze a lungo termine sulla salute. Questo lascia molte persone a chiedersi se le conseguenze siano peggiori della malattia.

Alcuni degli effetti collaterali dei normali farmaci per l’ADHD includono nausea e perdita di appetito, problemi di sonno, aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna, irritabilità e comportamento irregolare. Con l’uso prolungato, questi farmaci possono persino causare sintomi simili alla psicosi.

Un esempio è il caso di un bambino di 8 anni affetto da ADHD. Non aveva precedenti di psicosi, ma ha sviluppato allucinazioni e comportamenti maniacali dopo otto mesi di trattamento con Ritalin. Altre ricerche suggeriscono inoltre che il 40% delle persone affette da ADHD in combinazione con il disturbo bipolare può manifestare mania indotta da Adderall. Molte persone sono quindi alla ricerca di alternative per l’ADHD, come il microdosaggio.

Il microdosaggio come alternativa ai farmaci nell'ADHD

Il microdosaggio è in aumento. Nel caso in cui non sappiate ancora cosa significa: quando si fa una microdose, si assume una dose molto piccola di una sostanza psicoattiva. Questa dose è così bassa che non si noteranno gli effetti di alterazione della mente, ma piuttosto gli effetti positivi che la droga può avere. Inoltre, un numero crescente di persone affette da ADHD ricorre al microdosaggio per i propri sintomi.

Nel 2019, lo scienziato statunitense James Fadiman ha pubblicato un documento intitolato: “Might Microdosing Psychedelics Be Safe and Beneficial? Un’esplorazione iniziale”. In questo modo ha sollevato la questione se il microdosaggio di psichedelici sia sicuro e possa avere dei benefici. Per lo studio, 1.000 partecipanti che praticavano il microdosaggio hanno risposto a una serie di domande. Hanno assunto circa 10 microgrammi di un farmaco che altera la mente ogni tre giorni. Dopo 18 mesi, hanno riferito in merito al loro umore, ai livelli di energia e al rendimento sul lavoro.

Il documento ha portato a un grande aumento dei microdosatori, soprattutto nella Silicon Valley. Il carico di lavoro è elevato e gli imprenditori che lavorano sodo ricorrono al microdosaggio per gli effetti positivi sulla concentrazione e sulla capacità di risolvere i problemi. Anche la comunità ADHD è venuta a conoscenza del microdosaggio come possibile alternativa ai farmaci. Questo rimedio naturale potrebbe potenzialmente migliorare la capacità di attenzione e avere un impatto positivo sull’umore. Inoltre, può contribuire a ridurre l’ansia e il senso di irritazione.

Uno dei principali vantaggi del microdosaggio rispetto ai normali farmaci è che il microdosaggio non comporta praticamente alcun effetto collaterale. Se si utilizza anche la routine Fadiman, si evita di sviluppare una tolleranza al farmaco.

ADHD e ricerca sul microdosaggio

Vale la pena utilizzare il microdosaggio come alternativa ai normali farmaci nell’ADHD? Alcune ricerche suggeriscono che questo può essere il caso. Frontiers in Psychiatry ha pubblicato uno studio dell’Università di Maastricht sull’efficacia del microdosaggio nell’iperattività nel 2022.

Lo studio ha coinvolto 200 adulti con ADHD. Dopo il microdosaggio, si è registrata una significativa diminuzione dei sintomi e un maggiore senso di benessere.

Un altro studio, pubblicato nel 2021, riporta che la psilocibina può ridurre i sentimenti depressivi e l’ansia nei pazienti con depressione difficile da trattare. La depressione si accompagna spesso all’ADHD. È stato inoltre riscontrato che la psilocibina può stimolare l’attività del Default Mode Network. Quest’area è coinvolta nella consapevolezza di sé e nei pensieri vaganti. In questo modo, la psilocibina può favorire l’introspezione e la consapevolezza di sé, il che sarebbe un grande vantaggio nell’ADHD.

Perché scegliere il microdosaggio?

I medici probabilmente preferiranno i normali farmaci per l’ADHD, ma ricordate che potete sempre scegliere un’alternativa come il microdosaggio. Alcune persone preferiscono un rimedio naturale, con effetti collaterali solo lievi, ai farmaci chimici.

Il microdosaggio può essere effettuato con funghi magici o tartufi. Si può optare per una confezione di tartufi per microdosaggio già pronti. Ma anche i funghi sono un’opzione. Con un kit di coltivazione, potete facilmente coltivare i vostri funghi a casa, quindi essiccarli e pesare accuratamente le dosi.

Si possono anche combinare diverse forze della natura. Combinate il microdosaggio con rimedi naturali come i funghi medicinali. In particolare, il Criniera di Leone(estratto o capsule) è noto per i suoi poteri rigenerativi e l’effetto protettivo sulle cellule nervose. Oppure scegliete il Reishi(estratto o capsule) per una maggiore pace interiore e un buon sonno.

Speriamo che ora sappiate meglio se il microdosaggio nell’ADHD è adatto anche a voi. Consultate il vostro medico se potete iniziare, soprattutto se state già assumendo dei farmaci.

Condivisione sociale

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Reddit

Helaas u dient 18 jaar of ouder te zijn om deze website te mogen bezoeken.

Valido dal 20 maggio al 27 maggio.

Risparmia sul tuo acquisto oggi stesso!

10%
SPENTO

Usa il codice qui sotto al momento del checkout per ricevere uno sconto del 10% sul tuo ordine.

Purtroppo per visitare questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.

Per visitare questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.

Hai 18 anni o più?

Purtroppo per visitare questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.