Un migliore equilibrio nell’ADHD attraverso il microdosaggio

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Reddit
File sui disturbi della salute mentale

L’ADHD è un disturbo in cui una persona si distrae facilmente e mostra un comportamento iperattivo; può verificarsi in adulti e bambini. L’ADHD può essere difficile nella vita quotidiana. Nella nostra società è “normale” che i bambini stiano fermi in un’aula, che gli adulti siano capaci di concentrarsi per lunghi periodi di tempo.
Pertanto, i farmaci sono spesso prescritti per attenuare i sintomi dell’ADHD. Ma i farmaci possono avere brutti effetti collaterali. Un altro approccio, più naturale, può essere ottenuto con il microdosaggio.

Cos’è l’ADHD?

C’è una crescente attenzione agli approcci alternativi ai problemi di salute, sia mentali che fisici. Il microdosaggio sta diventando sempre più popolare. Potrebbe anche essere usato per l’ADHD. Cos’è esattamente l’ADHD? Probabilmente l’origine dell’ADHD risiede nel cervello e in particolare nella comunicazione tra le diverse parti del cervello. I messaggi tra le cellule cerebrali sono inviati tramite neurotrasmettitori. Alcune di queste sostanze, dopamina e noradrenalina, sono meno presenti nel cervello delle persone con ADHD.

Le conseguenze di ciò si possono vedere nel comportamento. Le caratteristiche note dell’ADHD sono:

  • Iperattività
  • Dimenticanza
  • Sbalzi d’umore
  • Impulsività
  • Problemi di attenzione
  • Mancanza di talento organizzativo

Si sente spesso parlare di bambini con ADHD, ma questo disturbo si verifica anche negli adulti. Tuttavia, generalmente soffrono meno dei sintomi. Spesso l’iperattività fisica diminuisce più tardi nella vita. Il 60% dei bambini con ADHD continua a soffrirne in età adulta. È possibile che le persone con ADHD sviluppino anche altri sintomi mentali, come la depressione o l’ansia.

Come viene trattato l’ADHD?

I sintomi dell’ADHD sono visti come problematici. In una classe di 30 bambini, un bambino occupato non è facile da mantenere. Un bambino può anche avere difficoltà di apprendimento perché si distrae troppo facilmente e non riesce a concentrarsi. Vengono quindi prescritti farmaci a base di anfetamine, come il Ritalin o l’Adderall. Si tratta di farmaci che sono stimolanti, che migliorano l’umore e riducono l’iperattività. Di solito la gente riesce a concentrarsi meglio allora.

Sfortunatamente, prendere questo tipo di farmaci per molto tempo può causare problemi di salute. Alcuni sono meno gravi (mal di testa, sudorazione, bocca secca), ma altri possono essere gravi, come la pressione alta, l’aumento del rischio di infarto o ictus.

Un approccio naturale all’ADHD

Proprio a causa del potenziale impatto sulla tua salute, vale la pena cercare un’alternativa al tuo solito farmaco. Ma ci sono altre ragioni. Il Ritalin e altre droghe possono anche farti sentire come se non fossi più te stesso. Sono così narcotici che ti senti come uno zombie. Non è bello.

Inoltre, l’ADHD non ha solo caratteristiche negative. Per esempio, una persona con ADHD ha molta energia. Le persone ADHD sono spesso creative, spontanee e possono pensare fuori dagli schemi. Una delle caratteristiche più speciali e utili è l’iperfocus: la capacità di essere completamente assorbiti da qualcosa per molto tempo. Ovviamente potete trarne grande beneficio. Se si assumono farmaci, queste caratteristiche positive dell’ADHD possono essere perse con quelle negative.

Ecco perché il microdosaggio può essere una soluzione. Porta equilibrio al tuo sistema, senza dover perdere gli aspetti positivi di te personalmente. Quando si fa un microdosaggio, si prende una quantità minuscola di una droga psichedelica. La dose è così bassa che non si soffre degli effetti di alterazione mentale, ma si soffre delle proprietà che possono aiutare.

Ricerca sul microdosaggio nell’ADHD

Con l’ADHD si usa soprattutto la psilocibina, ma ora si stanno facendo ricerche anche sulle possibilità dell’LSD.


Microdosatori


I micro-dosatori indicano che la loro concentrazione è migliorata significativamente e che trovano più facile essere presenti nel presente. Sono più consapevoli di se stessi e possono recuperare più facilmente la loro attenzione se la perdono.

In uno studio esplorativo, dose-finding su


ricerca


sull’LSD, hanno partecipato volontari sani che facevano uso di droghe a scopo ricreativo. Gli effetti di tre basse dosi di LSD sono stati confrontati con un placebo. La dose più alta è stata trovata per migliorare la concentrazione e l’umore. Anche se questo era solo uno studio esplorativo, i ricercatori hanno trovato i risultati significativi. Pensano che microdosi di LSD potrebbero essere usate per trattare l’ADHD.

Perché il microdosaggio?

Oltre al fatto che si può soffrire di ADHD in sé, sono comuni anche altri sintomi, come la depressione o l’ansia. Qualcuno con ADHD ha quasi tre volte la possibilità di sviluppare sintomi depressivi. Inoltre, in molti casi le denunce sono più gravi. Il microdosaggio con la psilocibina può aiutare anche in questo. La cosa conveniente è che si possono affrontare tutti i diversi disturbi con un solo metodo di trattamento.

Il vantaggio del microdosaggio è innanzitutto che si tratta di una sostanza naturale (nel caso della psilocibina, della cannabis o della mescalina). Questi farmaci hanno pochi effetti collaterali quando sono microdosati. La loro forza sta nel fatto che lavorano insieme al corpo e possono eventualmente integrare le carenze di certe sostanze. Vi aiutano a diventare più equilibrati in modo naturale, senza che vi sembri di perdere parti di voi stessi.

Vuoi provare il microdosaggio con la psilocibina, allora puoi usare i pratici pacchetti già pronti


tartufi


da dutchmicrodosing.com. Il modo migliore è usare il metodo del microdosaggio


routine


dove si prende una dose il giorno 1 e poi due giorni di riposo. Se sta assumendo farmaci, consulti prima il suo medico curante.

Condivisione sociale

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Reddit

Select a Pickup Point

Questo sito web utilizza i cookie per garantire che tu abbia la migliore esperienza sul nostro sito web.