Un “brutto viaggio” può avere anche dei benefici?

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Reddit

La maggior parte delle persone preferirebbe non parlare mai di un “brutto viaggio”. Anche questo ha senso, di solito nascondiamo le cose che non vanno bene e parliamo solo dei nostri successi e trionfi. Ma per quanto fastidioso possa essere un brutto viaggio, in esso si nascondono lezioni che possono essere di grande utilità nella vita di tutti i giorni. Ecco perché in questo blog leggerete i possibili benefici di un brutto viaggio.

Ci sono vantaggi nell'avere un brutto viaggio?

Chi si fa un trip con una droga psichedelica, come i funghi magici, i tartufi o i cactus di mescalina, spera naturalmente in un viaggio meraviglioso, euforico o magico. È probabile che ne riceviate uno anche voi. Ma naturalmente c’è sempre una (piccola) possibilità che la vostra esperienza sia meno piacevole. In questo caso, si parla di un brutto viaggio.

Se si fa uso più spesso di sostanze che alterano la mente, è più probabile che si verifichi un brutto viaggio. Ma se si è ragionevoli e si presta molta attenzione alla giusta dose, al set e all’impostazione, il trip è generalmente sicuro e l’esperienza è anche piacevole. Ma supponiamo che si finisca in un brutto viaggio? Si ha la sensazione di perdere il controllo, ci si sente ansiosi e disperati. Possono affiorare ricordi spiacevoli e le allucinazioni sono inquietanti e agghiaccianti. È davvero possibile che un viaggio del genere possa portare qualcosa di buono?

Come già detto, i brutti viaggi sono di solito qualcosa di cui preferiamo non parlare. Tuttavia, l’uso di psichedelici sta diventando sempre più mainstream e ci sono anche persone che parlano francamente delle loro esperienze negative. Di conseguenza, emerge un quadro un po’ più sfumato. Sembra che anche un brutto viaggio possa avere dei benefici.

Terrificante ma anche istruttivo

Un viaggio che non va come previsto è di solito terrificante o scomodo. Naturalmente, si può dire: non è questo che voglio, non voglio avere niente a che fare con questo e, non appena è finita, spingo l’esperienza nell’angolo più buio del mio cervello in modo da non doverla più guardare. Ma ricordate che le sfide sono un modo per imparare qualcosa su di voi e vi permettono di scoprire i vostri punti di forza.

Spesso chiamiamo un’esperienza brutta o cattiva perché ci fa male o ci fa sentire tristi o a disagio. Ma definire una cosa buona o cattiva è davvero arbitrario. Si tratta di un mucchio di etichette, che si possono anche sottrarre all’esperienza. Di solito, un evento difficile può insegnare molto. Per esempio, immaginate di perdervi durante una vacanza in montagna. All’inizio siete nel panico, il vostro cellulare non ha copertura e state finendo l’acqua. Ma poi si scopre un nuovo sentiero, si chiede aiuto a un vecchio contadino per imparare l’italiano, e quando si torna alla civiltà ci si sente stanchi ma anche orgogliosi di sé.

Anche questo è stato terrificante, ma hai imparato molto su te stesso. Avete scoperto di avere perseveranza, di essere più forti di quanto pensavate e anche pieni di risorse. Può accadere lo stesso con un brutto viaggio. È necessario passare attraverso zone oscure e torbide per imparare lezioni sagge su se stessi. Un brutto viaggio può mettervi di fronte alle vostre paure o ad altre emozioni difficili. Siete costretti ad affrontare alcuni problemi, come le paure e gli aspetti indesiderati della vostra personalità. Prendetevi del tempo per analizzare il viaggio e vedere quali gemme di saggezza vi sono nascoste. Se riuscirete a integrarli nella vostra vita, uscirete dall’altra parte del viaggio più forti, più saggi e più esperti.

I lati incompresi di un brutto viaggio

Gli utenti più esperti sanno che c’è sempre una piccola possibilità di inciampare. Questo fa capire che il disagio fa parte del viaggio cosmonautico. Anche perché bisogna abbandonare il controllo. Inciampare significa automaticamente uscire dalla propria zona di comfort. Questo comporta delle sfide.

Ma si passa attraverso un brutto viaggio per un motivo. In realtà si tratta di un fenomeno frainteso e mal interpretato. Ed è un peccato, perché molte persone hanno talmente paura di un brutto viaggio che non osano usare uno psicofarmaco. E così, sebbene ci siano anche dei vantaggi in un brutto viaggio. Non stiamo certo dicendo che dovreste cercare queste esperienze, ma che se ne avete una, cercate di capire che un viaggio così difficile può portare alla guarigione mentale e persino fisica.

Tuttavia, considerate sempre ciò di cui avete bisogno voi stessi. Ad alcune persone piace ritirarsi in un luogo tranquillo durante un viaggio spiacevole. Può anche darsi che sentiate il bisogno di stare con qualcun altro e di parlare per un po’ (un buon amico o un accompagnatore). Questa persona può aiutarvi a calmarvi di nuovo e a mettervi a vostro agio. Prendetevi il tempo di rivedere l’esperienza dopo il viaggio per vedere cosa vi ha raccontato. Ne trarrete sicuramente insegnamenti importanti.

Condivisione sociale

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Reddit

Helaas u dient 18 jaar of ouder te zijn om deze website te mogen bezoeken.

Valido dal 20 maggio al 27 maggio.

Risparmia sul tuo acquisto oggi stesso!

10%
SPENTO

Usa il codice qui sotto al momento del checkout per ricevere uno sconto del 10% sul tuo ordine.

Purtroppo per visitare questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.

Per visitare questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.

Hai 18 anni o più?

Purtroppo per visitare questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.