Che cos’è il digiuno di dopamina e quali sono i benefici?

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Reddit

Tutti conosciamo il fascino di certe attività, cibi e bevande. L’alcol, le droghe e i dolci, così come l’uso dei social media, possono creare dipendenza. Quando si guarda un film, si prende un pezzo di cioccolato o si sorseggia del vino, si prova una meravigliosa sensazione di soddisfazione. Queste attività eccitano il cervello a produrre dopamina. Per eliminarlo, si può praticare il digiuno dalla dopamina. Potete leggere esattamente cosa sia il digiuno di dopamina nel blog qui sotto.

La seduzione della dopamina

Il digiuno di dopamina è nato nella Sillicon Valley. Tutti coloro che sono costantemente impegnati e circondati dalla tecnologia conoscono l’eccessiva stimolazione causata da smartphone, social media e Internet. Se il digiuno da dopamina abbia effettivamente senso dipende dalla vostra visione di ciò che fa esattamente la dopamina. In primo luogo, si tratta di digiunare.

Nella nostra società contemporanea il cervello è costantemente stimolato da e-mail, app e notifiche, oltre che da cibo, sesso, sport e videogiochi. I sostenitori del digiuno di dopamina sono convinti che a un certo punto sia necessario un time-out. Questo perché non appena si fa qualcosa di piacevole, ad esempio dare un like o mangiare un pezzo di cioccolato, il cervello produce dopamina per confermare questo comportamento. Si ha una piccola scarica di dopamina e ci si sente momentaneamente soddisfatti e felici in quel momento.

Ma più spesso questo accade (cosa che ovviamente accade facilmente quando si usano i social media), più dopamina è necessaria per dare quelle sensazioni di soddisfazione. Questo può creare un circolo vizioso di dipendenza. Molte persone sentono di diventare dipendenti dai numerosi stimoli che le circondano. È possibile interrompere questo ciclo con il digiuno di dopamina. Un tipo di digiuno che non ha nulla a che fare con il mangiare, ma con la riduzione degli stimoli che creano la scarica di dopamina.

Prendersi una pausa

Così alcune persone mettono da parte lo smartphone per qualche giorno, limitano l’assunzione di alcuni tipi di cibo e non giocano ai videogiochi. Altri lo fanno in modo ancora più rigoroso, evitando il sesso, tutto il cibo e persino il contatto con altre persone. Perché tutto ciò che dà piacere potrebbe comunque fornire un rilascio di dopamina.

Questa pausa temporanea dalle cose divertenti della vita può resettare il sistema di ricompensa del cervello. Le persone che lo applicano riferiscono di sentirsi più calme, più concentrate e di apprezzare maggiormente le cose che hanno smesso di fare durante la pausa.

Come si applica il digiuno di dopamina?

Prendendo temporaneamente una pausa dalla quantità di stimoli, si permette all’intero sistema di riposare. Che si creda o meno alla teoria della dipendenza da dopamina, non è difficile capire che permette di tornare a se stessi per un po’, di fare una pausa dalla tecnologia, dal cibo e da altre attività che creano dipendenza. Può anche rendere visibile una possibile dipendenza o aiutare a liberarsene.

Il digiuno potrebbe abbassare i livelli di dopamina nel cervello. Per quanto tempo si dovrebbe fissare? Non ci sono regole per questo. Dovreste provare e vedere come vi sentite a smettere per due, cinque o sette giorni. O forse un mese intero. Scegliete uno o più stimoli da bandire temporaneamente dalla vostra vita, come dolci, cibi fritti, whatsapp, Facebook, Twitter o videogiochi. Invece, trovate la pace dentro di voi, camminate nella natura e sperimentate il silenzio.

I benefici del digiuno di dopamina

Sebbene non siano stati condotti studi sugli effetti del digiuno di dopamina, molte persone hanno riportato le loro esperienze.

I possibili benefici del digiuno di dopamina includono:

  • Migliore concentrazione: siete più consapevoli di quanto alcuni stimoli vi distraggano. Se riuscite ad affrontare meglio questo problema con il digiuno, ciò avrà un effetto positivo sulla vostra concentrazione.
  • Più motivazione: Con una maggiore concentrazione, aumenta anche la motivazione e si riesce a fare di più in un giorno.
  • Migliore regolazione delle emozioni: si è più in sintonia con il proprio mondo interiore, si riesce a prendere maggiormente le distanze dagli stimoli e quindi ci si sente più stabili emotivamente.
  • Senso di soddisfazione: il digiuno di dopamina ci aiuta a uscire dalla giostra dello stress e dell’eccesso di stimoli. Ci sentiamo più tranquilli e soddisfatti delle piccole cose della vita.

La controversia del digiuno da dopamina

Sebbene tutto questo sembri molto bello e per lo più logico, ci sono anche scienziati che sottolineano che la teoria alla base del digiuno di dopamina è errata. È eccessivamente semplificato. La dopamina fa quindi parte del sistema di ricompensa, ma la questione è più complicata di quanto molti sappiano. Di conseguenza, alcuni scienziati indicano che il digiuno di dopamina non è efficace. Secondo Michael Treadway, psicologo clinico e neuroscienziato presso la Emory University di Atlanta, negli Stati Uniti, una delle cose che non vanno è a cosa serve la dopamina.

La dopamina non ha a che fare con il piacere, ma con la motivazione. Aiuta a sentirsi motivati a impegnarsi e a essere premiati per questo. Ma è altrettanto importante capire che la dopamina ha molte altre funzioni nel cervello. La dopamina è un neurotrasmettitore che svolge un ruolo in tutti i processi.

L’effetto della dopamina dipende dalle cellule nervose che inviano e ricevono la sostanza e dalla loro posizione nel cervello. In generale, la dopamina agisce come una sorta di centralino, controllando il modo in cui le diverse aree del cervello elaborano le informazioni. Tra le altre cose, il neurotrasmettitore aiuta a concentrarsi e determina la distribuzione dei livelli di energia.

Quindi la dopamina è molto importante e svolge un ruolo non solo nel sistema di ricompensa. Per questo motivo, non è possibile digiunare completamente o abbassare drasticamente i livelli di dopamina. E questo è un bene, dice Treadway, perché potrebbe avere gravi conseguenze per la salute.

Rompere il circolo vizioso

Anche Cameron Sepah, professore clinico di psichiatria presso l’Università della California, è di parere diverso. Il digiuno di dopamina non deve servire a ridurre i livelli di dopamina. Ha senso, ma in un modo diverso da quello che si pensa. Anzi, può contribuire a ridurre il tempo dedicato ai comportamenti problematici. Ci rende consapevoli di quanto dipendiamo da qualcosa e speriamo che ci aiuti a liberarcene.

Se si tratta effettivamente di dipendenza, anche un digiuno di dopamina non è sufficiente a fermare il comportamento di dipendenza. Per questo sono necessari altri passi, afferma Sepah. Durante il digiuno potreste scoprire che potete fare a meno dei social media, delle gocce o dei video di YouTube. Ma si guadagna poco se, dopo il digiuno di dopamina, si continua a mantenere il vecchio comportamento. È necessario approfondire le cause di questa dipendenza.

A tal fine è possibile chiedere aiuto a un terapeuta comportamentale o a uno psicologo.
Microdosaggio può anche essere in grado di aiutare con dipendenza. Quando si fa una microdose, si assume una dose molto bassa di una droga psichedelica (come il tartufo). La sostanza psilocibina può aiutare ad acquisire una maggiore consapevolezza di sé e della propria vita, consentendo un cambiamento comportamentale. Se volete provare voi stessi, date un’occhiata al nostro negozio di Tartufi Microdosati o leggete qui per saperne di più sui benefici del microdosaggio.

Condivisione sociale

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Reddit

Helaas u dient 18 jaar of ouder te zijn om deze website te mogen bezoeken.

Valido dal 20 maggio al 27 maggio.

Risparmia sul tuo acquisto oggi stesso!

10%
SPENTO

Usa il codice qui sotto al momento del checkout per ricevere uno sconto del 10% sul tuo ordine.

Purtroppo per visitare questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.

Per visitare questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.

Hai 18 anni o più?

Purtroppo per visitare questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.