Microdosaggio nella dipendenza

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su reddit
Reddit
Da vicino. Una tabella di persona dipendente dall'alcol

La dipendenza, sia da una droga che da un comportamento, è una condizione complessa e difficile da trattare. Fumare, mangiare troppo, giocare d’azzardo, bere, shopping online, dolci, droghe – potrebbe essere qualsiasi cosa da cui si è dipendenti. Smettere è estremamente difficile. Ha a che fare con il sistema di ricompensa nel cervello, il comportamento radicato e la sensazione di non poter fare a meno di quel comportamento o della droga. Il microdosaggio non è una panacea, ma potrebbe rendere l’abbandono di una dipendenza un po’ più facile.

Lo sfondo della dipendenza

Una dipendenza ha un impatto molto negativo sulla tua vita, sia socialmente e finanziariamente che sulla tua salute. Questo vale per qualsiasi dipendenza. Anche se sei solo dipendente da alcuni comportamenti (come lo shopping, il gioco d’azzardo o il sesso), ad un certo punto questo avrà un impatto su tutte le parti della tua vita.

Come funziona esattamente? La dipendenza colpisce il modo in cui funziona il cervello, sia in termini di cellule che di neurotrasmettitori. Si tratta di sostanze di segnalazione che trasmettono messaggi. Nella dipendenza, è soprattutto la dopamina che gioca un ruolo. Questa sostanza ci fa provare una sensazione di soddisfazione. Dà la stessa sensazione di quando si è compiuto qualcosa di buono. Questo è il sistema di ricompensa del cervello che viene attivato. Quando si usano droghe o qualsiasi altra sostanza che crea dipendenza o si esegue un comportamento di dipendenza, si produce più dopamina. E vuoi sperimentare quella sensazione ancora e ancora.

È proprio a causa della potente connessione con il sistema di ricompensa che una dipendenza è difficile da rompere. L’effetto di dipendenza di droghe e simili fa pensare che non si può vivere senza quella sostanza o quel comportamento. Allora la vita non vale la pena di essere vissuta. Tuttavia, la psilocibina sembra essere molto promettente nel trattamento delle dipendenze.

Tossicodipendente senza speranza che si tiene la testa

Il potenziale del microdosaggio per la dipendenza

La psilocibina è la sostanza che altera la mente nei funghi magici. Provoca allucinazioni, ma non crea dipendenza ed è una delle sostanze psicoattive più sicure. Gli scienziati sono molto interessati alla psilocibina, perché sembra che possa aiutare con vari disturbi mentali, come la depressione, il PTSD e l’ansia. E così è con la dipendenza.

Il cervello è enormemente complesso e ancora non comprendiamo tutta la sua struttura e il suo funzionamento. Quello che sappiamo è che certe aree sono collegate e che i vostri pensieri spesso seguono schemi fissi. Ciò che una sostanza psicoattiva come la psilocibina può fare è ridurre l’attività in certe aree e promuoverla in altre. Stimola il pensiero creativo e le connessioni tra le parti del cervello possono diventare più dinamiche. Se prendete una dose normale di, diciamo, funghi magici, sarete in trip. Durante un tale viaggio, la tua percezione cambia e puoi ottenere profonde intuizioni sulla tua vita. Questo può far sì che tu non abbia più bisogno o interesse per una dipendenza.

Ricerca sulla psilocibina per la dipendenza

Poiché le droghe che alterano la mente possono avere un impatto così speciale sul cervello, c’è molto interesse nelle possibilità della psilocibina nei problemi di dipendenza. Alla Johns Hopkins University di Baltimora, USA, Matthew Johnson ha fatto ricerche sull’uso della psilocibina nella dipendenza dal tabacco. Dice che il tabacco è un buon soggetto per questa ricerca. È la prima causa di morte prevenibile in tutto il mondo. Inoltre, il 70% dei fumatori preferirebbe smettere.

Quindici persone hanno partecipato allo studio. Questo non è un microdosaggio, perché sono state usate dosi normali di psilocibina. In media, ogni partecipante ha fumato 19 sigarette al giorno per 30 anni. Ognuno di loro aveva avuto una media di 6 tentativi falliti di smettere. Durante lo studio, i partecipanti hanno ricevuto 15 settimane di terapia per smettere di fumare, compresa la terapia cognitivo-comportamentale. Inoltre, una dose di psilocibina è stata data alla settimana 5, 7 e 13.

Quindi questa dose era abbastanza forte per inciampare. I partecipanti sono rimasti nella clinica tutto il giorno e hanno ascoltato musica. I ricercatori hanno consigliato loro di fare introspezione (auto-esame) durante il trip.

Contenitore sterile con il micelio dei funghi psilocibini, psilocybe cubensis.

I risultati del trattamento con psilocibina

Si è scoperto che 6 mesi dopo il trattamento, l’80% dei partecipanti non fumava più. Si tratta di un piccolo studio e ci sono più fattori che influenzano il fumo. Ma i ricercatori credono che la psilocibina abbia giocato un ruolo importante in questo. La percentuale di persone che hanno smesso di fumare in questo studio è molto più alta che in altre terapie. Di solito il tasso di successo lì è solo del 35%.

Uno dei partecipanti ha detto di essersi sentito liberato dalla presa che le sigarette avevano su di lui. “Le sigarette non sono più importanti”, dice. Ma l’esperienza non ha riguardato solo il fumo. Ha cambiato la sua vita, per esempio, il suo modo di vedere la vita e la morte. Ha acquisito intuizioni arricchenti.

Perché il microdosaggio nella dipendenza?

Nello studio summenzionato sono state utilizzate dosi normali di funghi magici. Tuttavia, un modo più pratico per godere dei benefici della psilocibina è il microdosaggio. Non si prende una dose intera, ma un decimo di essa. Puoi sentire la sottile influenza della psilocibina, ma non avrai allucinazioni. Questo ha il vantaggio di poter continuare con le sue normali attività quotidiane.

Non ci sono ancora studi sugli effetti positivi del microdosaggio nella dipendenza. Tuttavia, è possibile trovare le esperienze degli utenti. I microdosatori sono entusiasti del microdosaggio per i problemi di salute mentale, compresa la dipendenza. Il 44% ha detto che il microdosaggio aiuta con i problemi mentali e che li fa sentire meglio con se stessi. Può avere un effetto positivo sulla fiducia in se stessi, sulla concentrazione e sulla creatività.

Vuoi usare il microdosaggio per sostenerti nel tuo tentativo di liberarti dalla tua dipendenza? Poi usa i tartufi di Microdosing XP. In questa pratica confezione troverete 6 tartufi microdosatori confezionati singolarmente, così sarete sempre sicuri di prendere la giusta dose.

Condivisione sociale

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su reddit
Reddit

Ultimi post del blog

Microdosaggio nella dipendenza

La dipendenza, sia da una droga che da un comportamento, è una condizione complessa e difficile da trattare. Fumare, mangiare troppo, giocare d’azzardo, bere, shopping

Leggi tutto "
0
    0
    Carrello della spesa
    Carrello vuoto

    Questo sito web utilizza i cookie per garantire che tu abbia la migliore esperienza sul nostro sito web.