Cosa sono i druidi e hanno un significato oggi?

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Reddit

Chiunque senta la parola druido probabilmente pensa a un vecchio saggio che conduce un rituale nell’antica Inghilterra. Lo associamo a un passato grigio, a popoli naturali che vivevano secondo i ritmi della natura. Ma anche oggi è possibile imbattersi in druidi. Anche se questo nuovo druidismo è probabilmente molto diverso dal vecchio, i principi, i valori e le norme sottostanti dei druidi possono avere ancora oggi un grande significato.

Chi erano i druidi?

Nell’Europa nord-occidentale e in Inghilterra vivevano i Celti. Questo anche prima che i Romani imponessero e diffondessero la loro cultura in queste zone. I druidi erano una sorta di sacerdoti, anche se il loro ruolo era molto più ampio. Erano leader spirituali, ma si immergevano anche nella scienza e parlavano di legge. Hanno mediato in caso di conflitti e dato consigli ai capi tribù.

Ci sono prove che il druidismo fosse praticato già nel IV secolo a.C.. Hanno svolto un ruolo importante nella società dei Celti. Erano considerati i mediatori tra la natura, considerata sacra, e la gente comune. Hanno parlato di giustizia e hanno fatto in modo che la storia della tribù fosse preservata. L’addestramento per diventare un druido non era un’impresa da poco. A volte sono durati anche 20 anni.

Come già detto, la natura era vista come sacra. I Celti credevano in diverse divinità (erano politeisti). In natura, si potevano vedere i segni degli dei riflessi nel sole, nella luna e nelle stelle, nonché negli alberi, nei laghi, nelle montagne e nei fiumi. Di conseguenza, questi luoghi erano spesso sacri. I druidi consideravano sacri anche gli elementi terra, acqua, fuoco e aria.

I Celti vivevano secondo i ritmi della natura e i cambiamenti delle stagioni erano momenti importanti su cui riflettere. In questo periodo si celebravano le feste cerimoniali: i solstizi d’inverno e d’estate e gli equinozi di primavera e d’autunno.

Purtroppo non è rimasto molto della cultura druidica. Questi popoli non avevano ancora scritto tutto e la cultura celtica fu in parte soppiantata dall’arrivo dei Romani. Anche in seguito, i cattolici considerarono il druidismo come eretico e molti dei suoi rituali furono vietati. Di conseguenza, molte conoscenze sono andate perse.

Il nuovo druidismo

Fortunatamente, il druidismo persistette in clandestinità quando il cristianesimo bandì molti dei rituali dei druidi. La gente ha fatto grandi sforzi per preservare le antiche conoscenze e mantenere vivi i rituali. Il XVII secolo vide una rinascita del druidismo e gli diede più spazio per diffondersi nuovamente. La rinascita di questo movimento è chiamata neodruismo.

Oggi si presume che i druidi possano essere divisi in tre gruppi: i bardi, gli ovati e i druidi. Si tratta di gruppi che hanno ciascuno una propria specializzazione. I bardi sono poeti, narratori e musicisti. Hanno imparato la storia del loro popolo e l’hanno diffusa. La parola magica può affascinare, intrattenere e persino incantare le persone.

Gli ovati si immergevano nei poteri curativi di alberi, piante ed erbe ed erano anche indovini. Potevano fare previsioni usando l’Ogham (l’alfabeto celtico, spesso inciso su pietre o bastoni) o usando i segni della natura. I druidi erano filosofi, insegnanti e leader religiosi. Anche oggi è possibile approfondire la conoscenza dei druidi. Esistono corsi di formazione e addestramento e, se li si completa, ci si può definire druidi. Ma questa conoscenza è di qualche utilità al giorno d’oggi?

Cosa si può imparare ora dai druidi?

Chi si addentra nella conoscenza dei druidi viene introdotto in un nuovo mondo. È risaputo che molte persone oggi lottano contro la mancanza di significato. La Chiesa è caduta, ma nulla ha preso il suo posto. Il druidismo, tra l’altro, non è una religione, ma piuttosto uno stile di vita. Dopotutto, potete decidere voi cosa vi interessa. Ma potrebbe occupare un posto nella vostra vita che prima era occupato dalla chiesa.

Trovare la profondità

I druidi stessi consideravano la natura sacra, ma credevano anche in vari dei e dee, come Cernunnos e Brigid. In questo modo, potete trovare la vostra strada, nulla vi viene imposto. Anche i cristiani, gli induisti e i musulmani possono diventare druidi e attenersi alle proprie credenze. Immergendovi nel druidismo, potete ristabilire il vostro legame con la natura e con la terra stessa. È possibile mantenere un ritmo più naturale, prestando attenzione alle stagioni e al ciclo lunare. Questo può fornire un aiuto nei momenti più rumorosi.

Anche il lavoro con i rituali può fornire un supporto. Quando c’è qualcosa da celebrare o da elaborare, o quando si deve dire addio a qualcosa o a qualcuno, si può riflettere su questo attraverso un rituale. I druidi lavorano in un cerchio (che potete creare voi stessi con simboli, pietre, piume, fiori o qualsiasi cosa desideriate) e questo è il vostro spazio sacro. In esso si può pregare, scrivere o meditare. Potete progettare il vostro rituale da soli o utilizzare le maniglie trovate in letteratura o su Internet.

C’è molto da imparare dai druidi. Dalle antiche conoscenze sugli alberi e sulle erbe, alle poesie e alle vecchie storie, alla musica, ai rituali, alla conoscenza degli dei e delle dee e ai metodi di divinazione. Lavorare con la conoscenza dei druidi può aiutarvi a trovare il vostro equilibrio interiore. l’equilibrio trovare una connessione spirituale con la natura.

Sostenetevi con il microdosaggio

State lottando con voi stessi, con il senso di inutilità o con la direzione della vostra vita? Anche microdosaggio potrebbe essere d’aiuto in questo senso. Per microdosaggio si intende l’assunzione di una dose molto ridotta di una droga che altera la mente. Questo può aiutare in modo sottile a risolvere problemi mentali (e fisici), come ad esempio
ansia
,
stress
e la mancanza di voglia di vivere. Combinare il microdosaggio con uno stile di vita come il druidismo può consentirvi di sentirvi più connessi al mondo, alla natura
natura
e alle persone che vi circondano. In questo modo si spera di poter tornare a godere appieno della vita e di ottenere tutto ciò che si desidera.

Chi erano i druidi?

Nell’Europa nord-occidentale e in Inghilterra vivevano i Celti. Questo anche prima che i Romani imponessero e diffondessero la loro cultura in queste zone. I druidi erano una sorta di sacerdoti, anche se il loro ruolo era molto più ampio. Erano leader spirituali, ma si immergevano anche nella scienza e parlavano di legge. Hanno mediato in caso di conflitti e dato consigli ai capi tribù.

Ci sono prove che il druidismo fosse praticato già nel IV secolo a.C.. Hanno svolto un ruolo importante nella società dei Celti. Erano considerati i mediatori tra la natura, considerata sacra, e la gente comune. Hanno parlato di giustizia e hanno fatto in modo che la storia della tribù fosse preservata. L’addestramento per diventare un druido non era un’impresa da poco. A volte sono durati anche 20 anni.

Come già detto, la natura era vista come sacra. I Celti credevano in diverse divinità (erano politeisti). In natura, si potevano vedere i segni degli dei riflessi nel sole, nella luna e nelle stelle, nonché negli alberi, nei laghi, nelle montagne e nei fiumi. Di conseguenza, questi luoghi erano spesso sacri. I druidi consideravano sacri anche gli elementi terra, acqua, fuoco e aria.

I Celti vivevano secondo i ritmi della natura e i cambiamenti delle stagioni erano momenti importanti su cui riflettere. In questo periodo si celebravano le feste cerimoniali: i solstizi d’inverno e d’estate e gli equinozi di primavera e d’autunno.

Purtroppo non è rimasto molto della cultura druidica. Questi popoli non avevano ancora scritto tutto e la cultura celtica fu in parte soppiantata dall’arrivo dei Romani. Anche in seguito, i cattolici considerarono il druidismo come eretico e molti dei suoi rituali furono vietati. Di conseguenza, molte conoscenze sono andate perse.

Il nuovo druidismo

Fortunatamente, il druidismo persistette in clandestinità quando il cristianesimo bandì molti dei rituali dei druidi. La gente ha fatto grandi sforzi per preservare le antiche conoscenze e mantenere vivi i rituali. Il XVII secolo vide una rinascita del druidismo e gli diede più spazio per diffondersi nuovamente. La rinascita di questo movimento è chiamata neodruismo.

Oggi si presume che i druidi possano essere divisi in tre gruppi: i bardi, gli ovati e i druidi. Si tratta di gruppi che hanno ciascuno una propria specializzazione. I bardi sono poeti, narratori e musicisti. Hanno imparato la storia del loro popolo e l’hanno diffusa. La parola magica può affascinare, intrattenere e persino incantare le persone.

Gli ovati si immergevano nei poteri curativi di alberi, piante ed erbe ed erano anche indovini. Potevano fare previsioni usando l’Ogham (l’alfabeto celtico, spesso inciso su pietre o bastoni) o usando i segni della natura. I druidi erano filosofi, insegnanti e leader religiosi. Anche oggi è possibile approfondire la conoscenza dei druidi. Esistono corsi di formazione e addestramento e, se li si completa, ci si può definire druidi. Ma questa conoscenza è di qualche utilità al giorno d’oggi?

Condivisione sociale

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Reddit

Helaas u dient 18 jaar of ouder te zijn om deze website te mogen bezoeken.

Valido dal 20 maggio al 27 maggio.

Risparmia sul tuo acquisto oggi stesso!

10%
SPENTO

Usa il codice qui sotto al momento del checkout per ricevere uno sconto del 10% sul tuo ordine.

Purtroppo per visitare questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.

Per visitare questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.

Hai 18 anni o più?

Purtroppo per visitare questo sito web è necessario avere almeno 18 anni.